Sandro Gozi: “Aprire il cantiere della difesa europea comune”

Pubblicato il 05 aprile 2016 alle 16:20 da .

Cambiare la politica economica rafforzando la sicurezza sociale, spingere gli investimenti (“Il piano Juncker muoverà 12 miliardi”), presidiare le frontiere esterne: in un’intervista a Tabloid prima del convegno promosso dal Centro in Europa, il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega agli affari europei traccia le linee della politica italiana sull’Ue.

Gozi-00

Sandro Gozi, sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega agli affari europei

“Una difesa comune europea è necessaria, il governo italiano intende aprire il cantiere della difesa e della sicurezza comune europea, perché se il terrorismo attacca l’Europa come un’unica entità, la risposta deve essere unitaria”. Così Sandro Gozi, sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri con delega agli affari europei, in un’intervista rilasciata a Tabloid prima del convegno sulle riforme dell’Unione europea che si tiene oggi nella sala del consiglio metropolitano, dove Gozi, introdotto da Carlotta Gualco (direttore del ‘Centro in Europa’, che ha organizzato l’incontro) viene intervistato dal vicedirettore del Secolo XIX Vittorio De Benedicits

“La difesa comune europea – ha spiegato il sottosegretario – si costruisce integrando il lavoro dei servizi segreti, polizie e magistrature dei diversi Paesi membri dell’Ue”. 

Per quel che riguarda la politica economica, Gozi ha detto che la priorità del governo italiano è introdurre “politiche finalizzate alla crescita e alla sicurezza sociale“, perché “le politiche di austerity sono state bocciate dagli elettori europei nelle urne, e quindi non sono adeguate”. 

Importante anche spingere sempre più sullo sviluppo economico. “Il Piano Juncker sugli investimenti strategici – ha dichiarato il sottosegretario – è un primo passo molto importante in questa direzione, anche se non sufficiente e bisogna aggiungere altri strumenti. In ogni caso il Piano, fortemente voluto dall’Italia che è stata la prima ad utilizzarlo, finanzia nel nostro Paese progetti di piccole e medie imprese, piccole banche, infrastrutture per 1,3 miliardi di euro, che attireranno con un effetto leva altri 12 miliardi di investimenti privati”. 

Infine Gozi ha parlato di politiche sull’immigrazione: “E’ impensabile – ha sostenuto – affrontare una questione di dimensioni globali con 28 politiche diverse, ripristinando le frontiere interne all’Unione ed alzando muri. Occorre invece un’azione comune di presidio delle frontiere esterne, creando un corpo unico di polizia europea delle frontiere, e contestualmente fare accordi di cooperazione con i Paesi extra-Ue di transito dei rifugiati. Lo abbiamo già fatto con i Paesi africani e con la Turchia“.




 
  05/04/2016 - 16:20 - Notizie Metropolitane 2016 / 95 / 30471

Questo articolo è stato visualizzato 84 volte

I commenti sono chiusi.

Seguici in Twitter

Iscriviti e ricevi le nostre notizie via email

Seleziona lista (o più di una):

Informazioni di Servizio #GenovaMetropoli

La Città Metropolitana di Genova ha aperto la procedura per la designazione di propri rappresentanti [...]

Si comunica l’esito finale dell'esame per il riconoscimento dell'idoneità degli insegnanti [...]

Città Metropolitana di Genova avvia la procedura per la ricerca di un nuovo componente il Nucleo di [...]

Giovedì 31 gennaio 2019 dalle ore 16,30 alle ore 19,00 nella sala di rappresentanza di palazzo Tursi [...]

La Città Metropolitana di Genova intende alienare la Villa Podestà Doria già Lomellini, con pertinen [...]

  • Archivio annuale

  • Archivio mensile