Depurazione acque bacino Entella, Iren approfondirà ipotesi Leivi, Lavagna-porto e Chiavari-mini

Pubblicato il 26 settembre 2016 alle 14:19 da .

La Città metropolitana di Genova ha dato mandato al gestore del servizio idrico di valutare aspetti tecnici e costi (più alti di quelli per il depuratore unico) delle tre diverse ipotesi di doppio impianto discusse questa mattina dal consigliere delegato Pignone e dai sindaci della vallata.

Recco Imp-depurazione-Galleria A -OssidazionePian Seriallo, in comune di Leivi e il porto di Lavagna: sono queste le due proposte di localizzazione di un impianto di depurazione delle acque al servizio del solo bacino dell’Entella che i sindaci di quel territorio hanno portato questa mattina sul tavolo di Enrico Pignone, consigliere delegato all’ambiente dalla Città metropolitana di Genova, il quale due settimane fa aveva chiesto che venissero presentate entro oggi come condizione per fermare l’iter amministrativo, già iniziato, per realizzare nella Colmata di Chiavari un grande depuratore comprensoriale unico da 210.000 abitanti equivalenti, al servizio non solo del bacino dell’Entella ma anche della Val Petronio e di Sestri Lavante.  

Acquisite le due proposte, il consigliere Pignone ha annunciato l’intenzione di dare a Iren, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana, il mandato di fare approfondimenti tecnici ed economici sulle varie ipotesi progettuali di depuratore per il bacino dell’Entella, ovvero le due sopra citate (Pian Seriallo e Porto di Lavagna) più quella di un depuratore da soli 140.000 abitanti equivalenti sempre sulla Colmata di Chiavari, oltre che sul progetto del secondo impianto, quello al servizio della sola area Sestri Levante-Val Petronio, che il comune di Sestri ha proposto di realizzare nell’area di Ramaia. Se si abbandonerà l’ipotesi del depuratore comprensoriale unico, infatti, nella valle dell’Entella dovrà sorgere un depuratore di dimensioni più ridotte rispetto a quello comprensoriale di Chiavari inizialmente approvato e subito contestato, mentre la depurazione di Sestri Levante e della Val Petronio sarà garantita da un secondo impianto indipendente.

Una volta che Iren avrà fatto le sue valutazioni, Pignone convocherà in Città metropolitana una conferenza dei sindaci per presentare il progetto dei due impianti separati, Valle dell’Entella da una parte e Val Petronio-Sestri Levante dall’altra, informando i sindaci e attraverso questi la comunità dei cittadini dell’entità dell’aumento dei costi rispetto al depuratore unico (un costo maggiore certamente ci sarà, si tratta di calcolare con precisione quanto maggiore).

Ricordiamo che il territorio del Tigullio Orientale è in gran parte fuori dalla normativa europea sulla depurazione delle acque, il che pone le pubbliche amministrazioni, Comuni e Città metropolitana, in infrazione comunitaria, ovvero a rischio di sanzioni molto onerose.




 
  26/09/2016 - 14:19 - Notizie Metropolitane 2016 / 269 / 31821

Questo articolo è stato visualizzato 139 volte

I commenti sono chiusi.

Seguici in Twitter

Iscriviti e ricevi le nostre notizie via email

Seleziona lista (o più di una):

Informazioni di Servizio #GenovaMetropoli

Sessione 2018-2 Esame istruttori di guida delle autoscuole – Prova quiz - tema Si comunica la pubbli [...]

Si informa la spettabile Utenza che in data 12/11/2018 la Città Metropolitana di Genova ha estratto [...]

L’Amministrazione indice una procedura negoziata per il servizio di smontaggio e rimontaggio testa t [...]

L’Amministrazione indice una procedura negoziata per il servizio di ripristino carrozzeria mezzo Ive [...]

Esame per il conseguimento dell'attestato di idoneità professionale all'esercizio dell [...]

  • Archivio annuale

  • Archivio mensile