Bando periferie, governo e Città metropolitana marciano uniti (video di Tabloid)

Pubblicato il 21 ottobre 2016 alle 16:57 da .

Il sindaco metropolitano Marco Doria plaude all’innalzamento da 500 milioni a 2,1 miliardi del finanziamento del Bando Periferie: Città metropolitana otterrà tutti i 40 milioni richiesti per i vari progetti relativi alle scuole, fra cui l’ex Ocl di Mignanego, dove Tabloid è stato in visita. 

Tabloid-Progetto PeriferieL’innalzamento da 500 milioni a 2,1 miliardi di euro del finanziamento al Bando periferie, annunciato dal presidente del consiglio Matteo Renzi il 14 ottobre alla platea di sindaci dell’assemblea Anci di Bari, fa vincere tutti: la cifra di 2,1 miliardi, infatti, permette il finanziamento integrale di tutti i progetti di recupero e riqualificazione delle periferie presentati al governo attraverso il Bando da Comuni e Città metropolitane. Anche questi enti, infatti, come la Città metropolitana di Genova, hanno potuto aderire al Bando, che ammetteva progetti relativi alle periferie metropolitane: si tratta di quei territori limitrofi ai grandi capoluoghi, gli hinterland, che nella visione metropolitana devono integrarsi con la città dal punto di vista dei servizi e delle infrastrutture. Il Sindaco metropolitano di Genova Marco Doria ha accolto con favore l’annuncio di Renzi, che delinea uno scenario di compattezza fra governo ed enti locali, tutti uniti in una marcia nella stessa direzione. Per la Città metropolitana di Genova, quindi, sono in arrivo tutti i 40 milioni richiesti, di cui circa 31 per progetti della stessa Città metropolitana, relativi alla ristrutturazione di edifici scolastici e alla manutenzione di strade collegate a queste scuole, ed altri 9 per progetti collegati ai primi, realizzati da vari comuni metropolitani. L’area su cui gli interventi sono concentrati è quella delle valli Stura e Scrivia (con propaggine in alta Val Polcevera). Tabloid è andato a Mignanego, in Val Polcevera presso il passo dei Giovi, a vedere i luoghi su cui si svilupperà il progetto presentato da quel Comune all’interno del Bando periferie: vale circa 2,3 milioni ed è stato il primo del pacchetto da 40 milioni della Città metropolitana. Riguarda la trasformazione in scuola di un edificio nato nei primi anni 2000 come Osservatorio Colore Liguria, Ocl, un centro di formazione sulle professioni legate alla decorazione che era stato realizzato in partnership con il colorificio Brignola, importante azienda ubicata nel comune che poi purtroppo ha chiuso. L’edificio sarà progettato per essere non solo una scuola, ma anche, come indicato dalle linee-guida del ministero dell’istruzione, un civic center, luogo di aggregazione della comunità, specialmente per i giovani. Inoltre intorno alla riqualificazione dell’edificio, ruota un progetto molto più ampio, che prevede la creazione di una piazza al posto di tre diversi cortili (quello davanti al municipio, quello davanti alla Società Operaia e quello davanti all’Ocl), in modo da creare un centro per un paese, Mignanego, che un centro non lo ha mai avuto poiché si è sviluppato lungo la strada napoleonica dei Giovi che corre nel fondovalle del torrente Riccò.​ 

 




 
  21/10/2016 - 16:57 - Notizie Metropolitane 2016 / 294 / 32016

Questo articolo è stato visualizzato 132 volte

I commenti sono chiusi.

Seguici in Twitter

Iscriviti e ricevi le nostre notizie via email

Seleziona lista (o più di una):

Informazioni di Servizio #GenovaMetropoli

"La Città Metropolitana di Genova intende assegnare in concessione il Centro Polifunzionale den [...]

L’Amministrazione indice una procedura negoziata per il servizio di ricostruzione pneumatici usati. [...]

In data 08.05.2019 è stato avviato il procedimento di autorizzazione unica ai sensi D. Lgs 387/2003, [...]

Esame per il conseguimento dell'attestato di idoneità professionale all'esercizio dell [...]

E' aperta la procedura per la designazione del Sindaco/Revisore unico della società Atene s.r.l [...]

  • Archivio annuale

  • Archivio mensile