Erasmus, gli studenti stranieri scoprono Genova Metropoli (video di Tabloid)

Pubblicato il 09 marzo 2017 alle 17:10 da Filippo Cartosio

L’esperienza di scambio universitario riguarda ogni anno 4-500 ragazzi stranieri, che attraverso i social network diventano ambasciatori turistici del brand Genova, territorio metropolitano compreso. 

imagesSono fra i 400 e i 500 gli studenti stranieri che sbarcano ogni anno a Genova per svolgere nelle facoltà dell’università cittadina un soggiorno di Erasmus, il programma di scambio fra università europee giunto al suo 30° anno di vita. Lo scorso primo marzo un centinaio di loro, quelli appena arrivati, hanno partecipato al Welcome Day Erasmus organizzato da Comune e Università di Genova. Si tratta di ragazzi provenienti da vari paesi europei, che non conoscono ancora né Genova e l’Italia né l’università italiana: dopo un momento di benvenuto presso l’InformaGiovani di Palazzo Ducale, dove sono state presentate brevemente la città e la sua università, è iniziato un breve tour del centro storico genovese, per iniziare a far scoprire ai ragazzi le bellezze storiche e paesaggistiche del luogo, a cui poi segue molto spesso un’autonoma scoperta del territorio metropolitano, riviere ed entroterra, perché i ragazzi sono molto curiosi ed esplorativi. Come spiega l’assessore alla cultura e al turismo del Comune di Genova, Carla Sibilla, spingere i ragazzi Erasmus a visitare durante il loro soggiorno la città e il territorio circostante è utile, in chiave di promozione turistica, a renderli ambasciatori del brand Genova nei loro Paesi, soprattutto attraverso l’uso dei social media come Instagram, Facebook e Twitter, dove pubblicano foto, emozioni e impressioni.​ Ma Erasmus è anche un piccolo strumento di promozione economica internazionale: infatti non pochi studenti stranieri che soggiornano a Genova per l’Erasmus (studiano per lo più lingue, ingegneria, scienze della terra ed economia), decidono poi di fermarsi per vivere e lavorare qui, come spiegano Pino Boero, assessore alle politiche giovanili del Comune di Genova, e Andrea Trucco, prorettore dell’Università di Genova con delega alle relazioni internazionali. Sono invece 700 gli studenti dell’Università di Genova che vanno a fare un soggiorno Erasmus all’estero, e che aumentano le loro chance di inserimento lavorativo proprio grazie a questa esperienza altamente formativa sotto molti punti di vista: come crescita personale, per sviluppare l’indipendenza, ma anche per l’aspetto culturale e, non ultimo, didattico, perché si confrontano con sistemi di organizzazione dei corsi di studio anche molto diversi rispetto a quelli delle loro università di provenienza.​ 




 
  09/03/2017 - 17:10 - Notizie Metropolitane 2017 / 67 / 33215

Questo articolo è stato visualizzato 66 volte

I commenti sono chiusi.

Seguici su Twitter

La Città Metropolitana Informa

L’Amministrazione indice una procedura negoziata per la fornitura di un decespugliatore idraulico a [...]

La Città Metropolitana di Genova intende cedere la propria partecipazione in “Formare – Polo Naziona [...]

La Città Metropolitana di Genova dismette la propria partecipazione azionaria in Rete Fidi Liguria [...]

  • Archivio annuale

  • Archivio mensile