Cinepassioni, il cinema è sogno e tecnologia (video di Tabloid)

Pubblicato il 15 maggio 2017 alle 10:16 da Filippo Cartosio

Alla Loggia dei mercanti di piazza Banchi a Genova un’affascinante mostra sull’arte delle immagini in movimento fra tecnologia, cultura popolare e collezionismo.

Proiettore2Il sogno del cinema, le immagini indelebili di divi e scene immortali che quest’arte ha impresso nella memoria di milioni di persone, ma anche la curiosità di esplorare e scoprire i segreti della magica e antica tecnica di catturare e proiettare le immagini su uno schermo: la mostra Cinepassioni, in corso fino al 30 luglio a Genova alla Loggia di Banchi a cura di Luca Malavasi, affronta queste due valenze del cinema: il suo impatto sulla società, come creatore di miti e immagini collettive e anche di feticismo, con tutto il merchandising legato ai personaggi cinematografici, e la sua affascinante tecnologia, che, nella sua essenza, era nota già molti secoli fa, e che poi nel Sette e Ottocento produsse le ‘lanterne magiche’, antenate del cinema vero e proprio nato nel 1895 con i fratelli Lumiere. La mostra, realizzata dal Comune di Genova, unisce tre collezioni esistenti in città e finora poco valorizzate: la Cineteca Griffith conserva un enorme patrimonio di pellicole e di riviste sul cinema; la Collezione Stefano Pittaluga di Massimo Patrone è invece incentrata su macchinari e attrezzature per la ripresa, il montaggio e la proiezione di film (cineprese, postazioni di montaggio, moviole, proiettori), con un’attenzione particolare anche agli oggetti per il cinema amatoriale; infine la Collezione Cine Ciak (oggi diventata Museo Internazionale del Cinema) raccoglie esempi della sterminata oggettistica legata ai film, in particolare nei generi horror, supereroi (Batman, Spiderman), fantasy (Harry Potter) e fantascienza (l’enorme mito cinematografico di Star Wars), un modo per appropriarsi dell’emozione cinematografica anche dopo la fine del film. Cinepassioni è allestita nella Loggia del Mercanti in piazza Banchi, monumentale edificio cinquecentesco nel cuore del centro storico genovese che oggi il Comune di Genova gestisce come spazio espositivo di grande suggestione architettonica, e ha anche un fuori mostra nella vicina via dei Conservatori del Mare: qui il Comune di Genova e gli organizzatori della mostra, con l’intento di rivitalizzare una porzione di centro storico finora trascurata, hanno stretto un accordo di sponsorship con Vaimm Sviluppo (società immobiliare del Gruppo Vittoria Assicurazioni), che ha ristrutturato un grande immobile storico, il cinquecentesco palazzo Lercari, le cui vetrine al piano strada sono state allestite con exhibit della mostra, in particolare​ oggetti e film provenienti da altre collezioni di appassionati di cinema come Roberto Chiti, Marcello Zago e Ugo Nuzzo. Di grande interesse gli spezzoni di film professionali e amatoriali girati a Genova nei primi decenni del Novecento, ma anche in anni recenti grazie al lavoro di Genova Liguria Film Commission.




 
  15/05/2017 - 10:16 - Notizie Metropolitane 2017 / 134 / 33780

Questo articolo è stato visualizzato 41 volte

I commenti sono chiusi.

Seguici su Twitter

Informazioni di Servizio #GenovaMetropoli

L’Amministrazione indice una procedura negoziata per la fornitura di ricambi originali Iveco [...]

Si forniscono precisazioni sull'applicazione dell'art. 104 del D.P.R. 380/2001 per la nuov [...]

Si informa la spettabile Utenza che la Regione Liguria con Nota Prot. n. PG/2017/250724 del 20/07/20 [...]

Si informa la spettabile Utenza che la Città Metropolitana di Genova ha predisposto la Circolare e i [...]

Avviso pubblico di costruzione ed esercizio di impianto di trasporto e trasformazione di energia ele [...]

  • Archivio annuale

  • Archivio mensile