Atp, approvata la fusione in Amt. Pd contrario (video di Tabloid)

Pubblicato il 29 settembre 2017 alle 10:37 da Filippo Cartosio

Il consiglio metropolitano ha detto sì (10 voti favorevoli, 4 contrari, 2 astenuti) al progetto del sindaco Bucci di creare una newco pubblica a cui affidare senza gara il servizio di trasporto in tutta l’area metropolitana, per salvaguardare linee periferiche e posti di lavoro.

Consiglio ATP-AMT3Atp si fonderà in Amt, e dalle due aziende di trasporto pubblico locale, quella metropolitana e quella cittadina di Genova, nascerà una newco, a cui Città metropolitana affiderà senza gara il servizio di trasporto pubblico nell’intero bacino metropolitano. E’ quanto prevede una delibera votata a maggioranza nell’ultima seduta del consiglio metropolitano uscente, che si congeda così con questo importante provvedimento prima di passare il testimone al prossimo consiglio che sarà eletto l’8 ottobre. La delibera, presentata direttamente dal sindaco metropolitano Marco Bucci, ha suscitato un vivace confronto: in particolare, numerose osservazioni critiche sono state sollevate dai consiglieri di area Pd, prima del voto finale che ha approvato il provvedimento con 10 voti favorevoli, 2 astenuti e 4 contrari. La fusione di Atp in Amt è l’unica strada possibile per affidare il servizio di trasporto pubblico locale senza gara, attraverso la modalità dell’in house providing che il sindaco Bucci vuole perseguire considerandola più vantaggiosa. Infatti Città metropolitana è uscita dal capitale di Atp spa, azienda senza dipendenti che controlla Atp Esercizio, per adempiere ai dettami dei decreti Madia sulle società partecipate, e quindi l’unica azienda pubblica di trasporto a cui il servizio può essere affidato senza gara è la newco che si è deciso di far nascere attraverso la fusione Atp-Amt. Secondo il sindaco l’affidamento senza gara a un’azienda pubblica controllata è la modalità migliore per soddisfare il pubblico interesse: garantisce un servizio di qualità per gli utenti, visto che la conformazione del territorio metropolitano, in particolare dell’entroterra, rende alcune linee non interessanti per le aziende private e quindi a rischio di essere tagliate, e inoltre tutela i lavoratori di Atp, che con l’arrivo di un privato potrebbero perdere il posto di lavoro. Ma i consiglieri che hanno votato no vedono diversi punti critici, in particolare la difficoltà per una società pubblica di finanziare gli investimenti e il rischio che lo Stato, in base alle norme, tagli del 15% il finanziamento pubblico all’azienda in house se questa non riceve l’affidamento del servizio entro il 30 settembre. Bucci ha replicato a queste obiezioni assicurando che i finanziamenti si troveranno e che il rischio di taglio dei fondi statali sarà scongiurato.




 
  29/09/2017 - 10:37 - Notizie Metropolitane 2017 / 271 / 34729

Questo articolo è stato visualizzato 91 volte

I commenti sono chiusi.

Seguici su Twitter

Iscriviti e ricevi le nostre notizie via email

Seleziona lista (o più di una):

Informazioni di Servizio #GenovaMetropoli

Domanda di Autorizzazione Unica per impianto idroelettrico di potenza media annuale di 173 kW sul ri [...]

Si informa la spettabile Utenza che in data 11/01/2018 la Città Metropolitana di Genova ha estratto [...]

Dicembre 2017: Regione Liguria ha approvato il "Piano di dimensionamento della rete scolastica [...]

Sabato 13 Gennaio 2018 ore 21.00 Teatro dell'Ortica, Genova. Spettacolo in collaborazione con i [...]

Si invita la cittadinanza a valutare il piano anticorruzione di #GenovaMetropoli 2018-20 compilando [...]

  • Archivio annuale

  • Archivio mensile