Fotografia, a Genova un primato europeo (video di Tabloid)

Pubblicato il 06 ottobre 2017 alle 15:26 da Filippo Cartosio

Il Polo della fotografia si è appena insediato nei maestosi spazi della nuova Biblioteca Universitaria e ha organizzato per il febbraio 2018 un convegno di tre giorni col ministro Franceschini.

PoloCorsi di fotografia, mostre fotografiche, workshop con fotografi affermati, un laboratorio fotografico, e persino un museo: è una realtà quasi unica in Italia e in Europa il Polo della Fotografia che sta prendendo forma a Genova per iniziativa di Giancarlo Pinto, docente di rilievo fotografico alla Scuola Politecnica, ex Facoltà di Architettura. Finalizzato a diffondere la cultura della fotografia attraverso la teoria e la pratica, il Polo ha trovato oggi la sua collocazione definitiva, dopo essere stato ospitato alla sua nascita nel 2013 al Palazzo del Principe e poi a Valletta Cambiaso: da poche settimane è infatti ospitato, attraverso una convenzione col Ministero dei Beni Culturali che prevede un comodato d’uso gratuito per 5 anni, negli ampi locali della Biblioteca Universitaria, antica istituzione culturale cittadina, gestita oggi dal MiBact, che da pochi mesi ha inaugurato la sua nuova sede nel monumentale edificio novecentesco dell’ex Hotel Columbia, di fronte alla stazione Principe, ricco di decorazioni d’epoca come le splendide vetrate liberty della hall e del salone delle conferenze. Le mostre fotografiche del Polo vengono allestite, con rotazione mensile, in una galleria suddivisa in due parti: la prima parte è dedicata ai fotografi esordienti, e dà quindi spazio a cui vuole iniziare a far conoscere le proprie opere, la seconda invece è per i fotografi affermati, come Francesca Donadini, formatasi proprio al Polo della fotografia di cui ha seguito numerosi corsi, e che espone fino al 9 novembre il reportage ‘La pietra silenziosa’, sull’estrazione e la lavorazione dell’ardesia.​ All’interno del Polo è ancora in embrione, ma inizia a prendere forma, un museo della fotografia, che il prof. Pinto ha costruito raccogliendo reperti quali 400 macchine fotografiche di diverse epoche, prestate da privati in comodato d’uso, un laboratorio di sviluppo e stampa e un banco di riparazione di macchine Leica ancora provvisto di pezzi di ricambio, proveniente da un laboratorio che ha operato per molti anni a Genova Sampierdarena.​ Infine il Polo ha organizzato per la fine di febbraio del 2018 un convegno di tre giorni dedicato alla fotografia, al quale è stato invitato anche il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini.




 
  06/10/2017 - 15:26 - Notizie Metropolitane 2017 / 278 / 34787

Questo articolo è stato visualizzato 223 volte

I commenti sono chiusi.

Seguici su Twitter

Iscriviti e ricevi le nostre notizie via email

Seleziona lista (o più di una):

Informazioni di Servizio #GenovaMetropoli

La Città Metropolitana di Genova ha aperto la procedura per la designazione di propri rappresentanti [...]

L’Amministrazione indice una procedura negoziata per il servizio di locazione a freddo di pale gomma [...]

Domanda di Autorizzazione Unica per linea elettrica a 15 kV in località Trasta, Campi e Cornigliano [...]

Domanda di Autorizzazione Unica per linea elettrica a 15 kV in località Prà in Comune di Genova. Pra [...]

Si informa la spettabile Utenza che la Città Metropolitana di Genova ha estratto i campioni di prati [...]

  • Archivio annuale

  • Archivio mensile