Fusione Atp-Amt, Stefano Anzalone: “Pubblico meglio del privato” (video Tabloid)

Pubblicato il 24 novembre 2017 alle 12:08 da Filippo Cartosio

Il consigliere metropolitano delegato alle società partecipate, dopo l’approvazione da parte di Città metropolitana della delibera che avvia la fusione delle due aziende di trasporto pubblico, rassicura sulla possibilità di affidare il servizio alla newco senza gara, liquidando il socio privato (Autoguidovie) nella controllata Atp Esercizio.

Anzalone Stefano

Stefano Anzalone, consigliere metropolitano delegato alle società partecipate

Intervista a Stefano Anzalone, consigliere metropolitano delegato alle società partecipate, dopo l’approvazione da parte del consiglio metropolitano di mercoledì 22 novembre (24 ore dopo analoga approvazione da parte del consiglio comunale di Genova) della delibera che fonde Amt e Atp spa in una newco del trasporto pubblico metropolitano, alla quale Città metropolitana intende affidare senza gara, in modalità in house, il servizio di trasporto pubblico locale sia a Genova che nell’area vasta. La delibera è passata in consiglio con 14 voti favorevoli (quelli del sindaco metropolitano Marco Bucci e degli 11 consiglieri della maggioranza di centrodestra, ma anche della consigliera di sinistra Daniela Tedeschi e del consigliere di Avanti Tigullio Antonio Segalerba) e con l’astensione, dal significato sostanzialmente favorevole come espresso nella dichiarazioni di voto fatta da Enrico Pignone, da parte dei 5 consiglieri dell’opposizione del centrosinistra. Il centrosinistra, tuttavia, ha chiesto a sindaco e maggioranza alcune garanzie su questa operazione societaria: di ordine economico (efficienza di gestione) e di equilibrio nella governance (rappresentanza dei comuni nel cda della newco). Sul primo punto il sindaco metropolitano ha escluso che un azionariato interamente pubblico sia sinonimo di inefficienza, mentre sul secondo punto ha detto che la richiesta è prematura, poiché la rappresentanza territoriale negli organi di gestione della società sarà prevista dallo statuto, che lo stesso consiglio metropolitano, a tempo debito, contribuirà a scrivere. Prematuro, per il sindaco, anche discutere di piano industriale: sarà infatti il management della futura società che, una volta nominato, dovrà sottoporlo agli azionisti, i quali lo valuteranno. Resta il nodo della liquidazione di Autoguidovie, il socio privato di Atp Esercizio, la controllata di Atp Spa che la newco si troverà in dote dopo il merger: su questo punto sia il sindaco sia il consigliere delegato Anzalone hanno ribadito la volontà politica di acquisire come socio pubblico il controllo totale della società (si chiederà quindi al privato di uscire).




 
  24/11/2017 - 12:08 - Notizie Metropolitane 2017 / 327 / 35186

Questo articolo è stato visualizzato 201 volte

I commenti sono chiusi.

Seguici in Twitter

Iscriviti e ricevi le nostre notizie via email

Seleziona lista (o più di una):

Informazioni di Servizio #GenovaMetropoli

L’Amministrazione indice una procedura negoziata per la fornitura ricambi originali per manutenzione [...]

Sessione 2018-1 Esame insegnanti di teoria e istruttori di guida delle autoscuole – Prove orali e si [...]

L’Amministrazione indice una procedura negoziata per la fornitura per la segnaletica orizzontale [...]

La Città Metropolitana di Genova, in qualità di Ente gestore della viabilità provinciale, in adempim [...]

  • Archivio annuale

  • Archivio mensile